Castel Santa Maria è una piccola località sita in Umbria, nella Provincia di Perugia, nel comune di Cascia, da cui dista 10 km, ma appartenuto sino al 1816 al comune di Norcia da cui dista 13 km. Si trova ad un’altezza di circa 1200 m sul livello del mare sui monti Sibillini.

Sino al 1979 il paesino dominava tutta la piana di Santa Scolastica da un’altezza di 1169 m ma, dopo il disastroso terremoto che lo rase al suolo, fu riedificato sul Monte Caefischi, poco distante, con villette a schiera in materiali antisismici. Oggi vi risiedono 11 persone.

[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”]

castel santa maria oggi

castel santa maria oggi

 

L’insediamento umano in questa zona è antichissimo: già gli umbri vi si stabilirono in epoca pre-romana e, nei monti vicini, si possono ancora vedere le grotte che gli uomini preistorici abitarono agli albori della civiltà. Non siamo sicuri che in epoca romana la località di Castel Santa Maria sia stata abitata, ma sappiamo che nell’antica chiesa della Madonna della Neve, ormai rudere, è riemerso una parte di colonna all’apparenza romana, che indicherebbe dunque una presenza nella zona all’epoca.

Il toponimo, tuttavia, deriva da un antico castello, crollato nel terremoto del 1703 ma che doveva esistere sin dal medioevo, poiché il paese risulta far parte dei castelli di Norcia già dal XIV secolo.

Non abbiamo rilevanti notizie sul paese né sugli abitanti, tranne che sporadiche citazioni di cause private presso gli archivi notarili del comune di Norcia e nel documento della fondazione della chiesa della Madonna della Neve, risalente al 13 ottobre 1565.

[/fusion_builder_column][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”]

la chiesa della Madonna della Neve prima del terremoto

la chiesa della Madonna della Neve prima del terremoto

 

Sappiamo che, dopo il terremoto del 1703, vivevano nel paese 75 abitanti e che il terremoto provocò 25 morti.

Gli abitanti, già all’epoca, erano perlopiù contadini e allevatori, perciò l’economia del piccolo centro si basava sul commercio di prodotti agricoli, del formaggio, della cacciagione e del tartufo, prelibatezza particolare della zona.

La vita a Castel Santa Maria deve essere trascorsa quasi invariata sino al 1979, anno in cui un terribile terremoto si abbatté sul paese distruggendolo. Negli anni ’80 fu ricostruito sul colle vicino ma la perdita più grande è stata la distruzione della magnifica chiesa della Madonna della Neve, oggi ridotta a rudere.

[/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]